Monte Veronese DOP

Il Monte Veronese DOP è un formaggio che viene prodotto nella provincia di Verona, nella zona montana di Lessinia. Tale zona ha favorito, per la sua conformazione naturale e per i suoi ampi pascoli erbosi, un buon alpeggio per le vacche; il bestiame vi viene allevato per lunghi periodi, grazie al fatto che i pendii sono esposti al soli e il foraggio vi cresce spontaneamente in abbondanza.
Ciò ha fatto sì che fin dal Duecento la produzione di latte e l’allevamento di bovini fosse fiorente nella zona; si ritiene che il Monte Veronese fosse utilizzato addirittura come moneta di scambio prima dell’anno mille, e che la sua produzione si iniziata per merito dei Cimbri in epoca medioevale, e sia poi stata perpetuata dai mastri caseari lombardi. Testimonianze antiche fanno ritenere che il formaggio venisse denominato “Caseus macaegus”.

Tradizionalmente, a San Zeno di Montagna, in provincia di Verona, si tiene ormai da più di dieci anni una rassegna enogastronomica dedicata ai prodotti della regione, e denominata appunto “San Zeno Castagne, Bardolino & Monte Veronese”. Durante questa kermesse di sapori è possibile degustare il formaggio con singolari abbinamenti culinari e con il vino Bardolino.

Caratteristiche e produzione

Oggi questo prodotto è il fiore all’occhiello della produzione caseari veronese; viene prodotto con latte vaccino e fermenti lattici autoctoni, con aggiunta di caglio, e viene lavorato fino ad essere versato negli appositi stampi.
Esistono tre tipologie di formaggio, a seconda della stagionatura:

  • Monte Veronese Latte Intero, formaggio a pasta semicotta, che viene prodotto con latte intero ed ha una stagionatura medio-breve, fino a due mesi;
  • Monte Veronese d’allevo Mezzano, con latte di vacca parzialmente scremato e con stagionatura da tre a sei mesi;
  • Monte Veronese d’allevo Vecchio, che viene lasciato stagionare per un anno intero.

Abbinamenti e usi in cucina

Il Monte Veronese Latte Intero, data la sua leggerezza e il suo gusto delicato, è ottimo associato a confetture amare, o a miele di castagno.
Le tipologie Mezzano e Vecchio sono apprezzabili consumate grattugiate o come piatto unico, accompagnate da altri formaggi come degustazione oppure con noci, uova, pere; perfetti anche abbinati a polente e piatti locali tradizionali, come i bigoli in salsa di zucca. Il vino perfetto per sposarsi con il Monte Veronese Vecchio e Mezzano è l’autoctono Bardolino.