Il vino Gutturnio è stato il primo vino piacentino in assoluto e uno dei primi rossi italiani ad ottenere il riconoscimento della DOC.
Prodotto con uve Barbera e Croatina, è commercializzato nelle varietà Classico, Classico Riserva, Classico Superiore, Riserva, Frizzante e Superiore.

Sembra questo vino sia stato inventato da Lucio Calpurnio Pisone, suocero di Giulio Cesare, che aveva proprio origini piacentine e una grande passione per il vino. Il suo nome deriverebbe da Gutturnium, la coppa d’argento da due litri che veniva usata tradizionalmente a fine cena per condividere il vino tra i commensali.

Caratteristiche, aromi, note di degustazione

Il Gutturnio è un vino rosso rubino intenso e vibrante, con sfumature violacee a seconda dell’invecchiamento e un caratteristico profumo vinoso con note di viola e marasca. Al palato risulta tannico, fruttato e speziato.

Abbinamenti Gutturnio cibo

Nella versione frizzante, accompagna bene i salumi piacentini DOP e i formaggi locali e i primi piatti ricchi della cucina piacentina. Nella versione ferma, invece, il Gutturnio si sposa bene con arrosti, bolliti e brasati e in particolar modo con la coppa piacentina arrosto.