Sagrantino di Montefalco DOCG

Il Sagrantino di Montefalco è un vino rosso prodotto in Umbria e famoso in tutto il mondo. La sua storia, avvolta nel mistero, ha inizio intorno al 1500 quando già viene citato in qualche documento ufficiale, anche se prodotto in versione dolce. E’ plausibile pensare che all’epoca in ogni casa ci fosse la presenza di una vigna, anche formata da una sola pianta dedicata alla produzione del vino per le grandi occasioni. E’ presumibile che le uve Sagrantino si chiamassero un tempo Hirtiola, ma non ci sono prove certe. La zona di produzione del Sagrantino è quella delle verdi colline comprese tra Montefalco, Gualdo Cattaneo, Giano dell’Umbria, Castel Ritaldi e Bevagna. Prodotto nella versione secca a partire dagli anni ’80, diventa un grande rosso nel decennio successivo e nel 1992 ottiene la Denominazione di Origine Controllata e Garantita.

Caratteristiche del vitigno

Questo vitigno autoctono molto antico rispecchia i profumi e i sapori più veri di queste terre. Le uve ricche di tannini e di polifenoli richiedono sesti di impianto, forme di allevamento, sistemi di potatura e lavorazioni molto attente ed altamente qualitative che ne garantiscano il giusto equilibrio. Alla vendemmia di fine settembre seguono la separazione manuale dei chicchi dai raspi, la fermentazione per 20 giorni e l’affinamento in barriques di rovere per 12 mesi prima e poi per 18 in acciaio. Prima di essere commercializzato deve perfezionarsi 6 mesi in bottiglia.

Aromi e note di degustazione

Versato nel bicchiere il Sagrantino risplende nel suo colore rosso rubino intenso che con l’invecchiamento tende al granato. Al naso si presenta con note morbide e piacevoli di ciliegia sotto spirito e mora, note terrose, fiori rossi e anice stellato. Al palato è subito evidente la sua struttura, il gusto è fortemente alcolico, caldo, ampio, pieno, con un’ottima persistenza e un’importante trama tannica. Nelle versioni più pregiate spicca la sua inconfondibile mineralità.

Abbinamenti Sagrantino cibo consigliati

E’ preferibile servirlo ad una temperatura compresa tra i 16 e i 18 °C in calici ampi che permettono di ossigenarlo lentamente senza doverlo decantare.
Il Sagrantino nasce come vino da abbinare all’agnello e alla classica torta pasquale umbra, ma è perfetto anche in abbinamento con la carne alla griglia, il brisket, il pulled pork, gli hamburgher con brie fuso, le carni rosse, la selvaggina e i formaggi stagionati in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *