Vermentino Ligure (e abbinamenti)

Il Vermentino Ligure Doc è un vino bianco secco prodotto con uve dell’omonimo vitigno della Riviera ligure di ponente, dei Colli di Luni, del Golfo del Tigullio e della Valpolcevera. C’è discordanza sulle sue origini, sicuramente sono da ricercarsi nella penisola Iberica, da dove, attraverso la Francia è arrivato in diverse zone dell’Italia dove ancora oggi viene prodotto con elevati standard di qualità e caratteristiche diverse a seconda del territorio di appartenenza. E’ uno dei vitigni a bacca bianca più diffusi nel belpaese e predilige le coste, soleggiate e ventilate, e l’aria salmastra che permette di ottenere vini eleganti e di carattere.

Caratteristiche vino e vitigno

I grappoli di Vermentino hanno dimensioni medie, una forma cilindrica ed alata con densità a spargolo. Il colore dell’acino tende leggermente all’ambra con piccole macchioline marroni. L’allevamento avviene con sistema dell’alberello come vogliono le tradizioni, anche se molti coltivatori stanno sperimentando sistemi espansi per intensificarne la produzione. La vendemmia è precoce e varia a seconda dell’andamento climatico. A questa seguono una breve macerazione pellicolare in pressa e la classica vinificazione in bianco in vasche di acciaio e senza l’aggiunta di solfiti.

Aromi del vino e note di degustazione

Il Vermentino Ligure nel calice mostra il suo brillante colore giallo paglierino movimentato da leggeri riflessi dorati. Sorprende l’olfatto con un delicato mix di aromi che vanno dalla mela renetta ai fiori di ginestra, dai frutti bianchi agli agrumi, dal miele alle resine boschive, dal brugo fino a garbati rimandi di eucalipto. Al palato risulta caldo, sapido e fresco. Di struttura discreta lascia un finale leggermente amarognolo. Le sue caratteristiche organolettiche rispecchiano fedelmente le particolarità dei terreni di coltivazione stratificati e ricchi di minerali.

Abbinamenti cibo consigliati

Il Vermentino Ligure deve essere servito ad una temperatura massima di 8/10 °C in calici per vini giovani e freschi, con stelo alto, ma non troppo ampi. Questo vino dà il meglio di sè nel primo anno di vita e si presta ad abbinare una lunga lista di portate dagli antipasti di mare alle verdure ripiene, dalle lasagne al pesto al risotto al nero di seppia, dai pansotti con salsa di noci ai ravioli di pesce in brodo. E’ perfetto in abbinamento a pietanze di pesce, ma anche piatti molto complessi ed elaborati. E’ consigliabile conservalo in posizione coricata ad una temperatura costante di circa 14 °C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *