TrentoDOC

Trento DOC è un vino in tutto e per tutto espressione del suo territorio.
Il Trentino, nonostante le sue piccole dimensioni, è infatti uno scrigno di bellezze, di paesaggi diversi con il loro clima particolare: questo splendido territorio è la zona di produzione di un vino raffinato ed elegante che sa esprimersi al meglio in ogni occasione.Fu il giovane enologo Giulio Ferrari nel 1902 ad intuire una certa somiglianza tra il territorio della Champagne francese e il Trentino e decise così di provare a produrre anche nella sua regione uno spumante con metodo classico: nel 1993 il vino frutto della sua intuizione ha ottenuto il riconoscimento della DOC.

Caratteristiche del vino

Il Trento DOC si produce a partire esclusivamente da uve Chardonnay, Pinot Nero, Pinot Bianco e Meunier coltivate in Trentino. Il metodo di coltivazione, nel rispetto della tradizione locale, è solitamente la pergola, perché garantisce una buona esposizione alle vigne e facilita la coltivazione sui terrazzamenti.
Il metodo di produzione di questo spumante è quello classico: dopo aver ottenuto dalle uve di partenza un vino fermo, si procede all’imbottigliamento. A questo punto si aggiungono i lieviti e gli zuccheri che avviano la seconda fermentazione. Dopo la fase del remuage, in cui il produttore muove lentamente le bottiglie in modo da raccogliere i lieviti esausti nel collo, si procede alla sboccatura, che consente di eliminarli meccanicamente o manualmente, e poi al rabbocco della bottiglia con una miscela di vino e zucchero di cui ogni casa spumantistica ha una ricetta speciale e che determina (in base alla quantità di zucchero) le definizioni extra brut, brut, extra dry, dry e demi sec.
Il TrentoDOC viene vinificato Rosé o in Bianco: di quest’ultima varietà esiste la versione Brut, maturata minimo 15 mesi, il Millesimato, maturato minimo 24 mesi e il Riserva, maturato almeno 36 mesi.

Aromi e note di degustazione

Inconfondibile il suo perlage fine e persistente.
Il bouquet esprime note fruttate di albicocca, nocciole tostate, frutta esotica, vaniglia, pane, mela Golden, cioccolato bianco, fiori bianchi e gelsomino.
Delizioso servito fresco, tra gli 8 e i 12 gradi, il Trento DOC al palato è elegante e raffinato, espressione preziosa del suo terroir.

Abbinamenti cibo consigliati

Ottimo nelle versioni demi sec, sec e extra dry per abbinare dolci e dessert, è, nelle versioni più secche, perfetto se abbinato alle specialità trentine a base di carne ma anche ai primi a base di pasta, riso e pesce.
Il vino spumante Trento DOC è delizioso anche in abbinamento a fritture di pesce, crostacei e carni bianche, e viene spesso abbinato nella tradizione trentina con formaggi vaccini stagionati.
Immancabile per i brindisi, accompagna bene anche gli antipasti a base di salumi, formaggi o pasticceria salata.