Vermentino di Gallura DOCG (e abbinamenti)

Il vitigno a bacca bianca Vermentino deve probabilmente il suo nome al termine “vermene”, dal latino “verbena”, che indica un ramoscello giovane e sottile. Della sua origine non si sa nulla di certo: secondo alcuni studiosi, questo vitigno sarebbe originario della Liguria e si sarebbe poi diffuso verso il sud della Francia. Secondo altri, invece, sarebbe nativo della penisola iberica e da lì sarebbe arrivato col tempo in Provenza, Corsica, Sardegna, Liguria e Toscana.
Attualmente sembra prevalere l’ipotesi secondo cui il vitigno Vermentino sarebbe originario del Medio Oriente e da lì sarebbe poi stato diffuso dagli Arabi in tutti i paesi affacciati sull’alto Mediterraneo Occidentale.
Oggi, il Vermentino viene coltivato in tutta la Toscana, nelle quattro province liguri, in Puglia, nella provincia di Perugia, di Ascoli Piceno, Teramo, Viterbo, Agrigento e in tutte le province della Sardegna, dove dà origine alla DOCG Vermentino di Gallura e alla DOC Vermentino di Sardegna.

Caratteristiche del vino

Il vino Vermentino di Gallura DOCG, forse la versione più rinomata di vino vermentino, viene prodotto nella zona centrale della provincia di Olbia Tempio e in una piccola parte della provincia di Sassari, zona caratterizzata da un terreno sabbioso, permeabile e parzialmente argilloso, ricco di potassio, un’ottima insolazione e venti costanti salmastri che garantiscono la perfetta areazione delle viti e dei grappoli. Tutto questo conferisce al Vermentino di Gallura un eccezionale bouquet e un’ottima mineralità.

Aromi e note di degustazione

Il Vino vermentino viene prodotto con uve di vitigno Vermentino dal 95% al 100% e massimo il 5% di altre uve bianche non aromatiche e viene fermentato in acciaio.
Si tratta di un vino dal colore giallo paglierino intenso, a volte con riflessi verdognoli. Il suo bouquet è ricco di note intense di fiori di campo, di erba falciata e di pesca gialla e lievi note di vaniglia. Al palato, si rivela moderatamente secco, morbido, con un retrogusto lievemente amaro e gradevolmente fresco.

Abbinamenti cibo consigliato

Si abbina egregiamente con antipasti di mare e piatti a base di pesce. In particolare, è famoso l’ottimo abbinamento con l’aragosta e il polpo. E’ delizioso, però, anche per accompagnare le carni bianche, i formaggi freschi e i primi piatti tipici della tradizione ligure.